ruota bici rubata

Chiunque abiti in una grande città avrà avuto a che fare, prima o poi, con la meravigliosa arte del furto della bicicletta. Tu che Abiti a Milano, Bologna o in qualsiasi  città italiana prima o poi, scendendo le scale di casa con in mano già le chiavi del lucchetto della bicicletta, hai aperto il portone, osservato la rastrelliera delle biciclette dove avevi parcheggiato la tua due ruote, cercato con una certa trepidazione iniente natalel tuo mezzo e…

Ecco puntuale la prima lacrimuccia che solca la tua guancia e come un fiume ancestrale solca il canyon della tua innocenza rendendoti smarrito e incredulo, come un bimbo a cui hanno detto che quest’anno il Natale sarà cancellato.

Anche noi, a Riccione, nel nostro piccolo, visto il sovraffollamento estivo, abbiamo a che fare con il fenomeno dei furti di bicicletta. Quotidianamente. Democraticamente. I ladri non rubano solo ai ricchi e nemmeno solo bici belle, rubano tutto a tutti non appena possono, non sono nè razzisti nè populisti, rubano e basta.

Tipologia di dialogo con cliente appena entrato in negozio:

io- Buongiorno

lui- Buongiornomihannorubatolabici (è un solo vocabolo, neologismo estivo)

io- posso esserle utile?

lui- mi serve un lucchetto economico, leggerissimo, e che non si possa tagliare. che tanto li tagliano tutti e mifreganopurelabicinuova.

Mettiti l’anima in pace, riunire tutte queste caratteristiche in un solo oggetti che possa proteggerti efficacemente dai ladri proprio non è possibile.

Un lucchetto per essere robusto deve essere anche relativamente pesante. i Lucchetti ad Arco sono ottimi (ma anche qui è meglio non stare a sparagnare qualche Euro a discapito della qualità) ma ahimè poco pratici e versatili. Se devi prendere un lucchetto a catena, è meglio se lo prendi robusto e a maglia quadra (pesante è sempre la parola d’ordine), poi, vi sono quelli pieghevoli (davvero pratici, nevvero?).

Ricapitolando andiamo a vedere un breve:

Vademecum per non farsi fregare la bici.

  1. Lega la bici.
  2. Ora voltati e controlla di averla legata.
  3. Usa un buon lucchetto.
  4. Assicurati di piazzare il lucchetto ad un elemento del telaio, di modo che non lo si possa sfilare con facilità.
  5. Ancora il lucchetto ad un palo, ad una rastrelliera, ad una ringhiera, insomma, non legare la bici a se stessa sennò te la portano via come una valigia.
  6. Ricorda sempre che il ladro non ha molto tempo e tra due bici non sceglierà la più bella ma quella più facile da rubare.
  7. Non legare il lucchetto al reggisella, alla ruota o al manubrio sono elementi che si smontano con facilità (vedi foto) l’unico punto veramente saldo è il telaio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here